Almese (To): Camaleontika – Teatro abilmente diverso e Controcanto Collettivo – 19 e 20 gennaio 2019

Doppio appuntamento della stagione CAMALEONTIKA di Almese con DUE SPETTACOLI DI COMPAGNIE DIVERSAMENTE ABILI e con la compagnia CONTROCANTO COLLETTIVO

Sabato 19 gennaio 2019 – ore 20.45 – Ingresso a offerta libera
Cooperativa Il Margine/Compagnia Tutto è… possibile in “Piacere la morte”
Progetto Teatro senza Confini/Compagnia Fabula Rasa in “Senza titolo”
Chiusura della serata con i Gruvidi in concerto, cover band rock & funk

Domenica 20 gennaio 2019 – ore 20:45 – Ingresso unico euro 5,00
Compagnia Controcanto Collettivo in “Sempre domenica”
Nell’ambito della rassegna “Concentrica-Spettacoli in orbita” a cura della Compagnia della Caduta

Teatro Magnetto, via Avigliana 17, Almese (TO)

Sesto e settimo appuntamento della stagione Camaleontika con due spettacoli nati da progetti di teatro per persone diversamente abili e con lo spettacolo “Sempre domenica” della compagnia Controcanto Collettivo organizzato nell’ambito della rassegna “Concentrica-Spettacoli in orbita” a cura della Compagnia della Caduta di Torino
Insieme ad altri ospiti, tra i quali Ascanio Celestini, sino al 4 maggio Camaleontika proporrà altri cinque spettacoli scelti soprattutto per riflettere su temi importanti della nostra società


CAMALEONTIKA 2018/2019 è la quinta stagione di spettacoli del Teatro Magnetto di Almese, comune della bassa Valle di Susa, a cura della compagnia teatrale Fabula Rasa diretta da Beppe Gromi e dell’associazione M.O.V. – Moderne Officine Valsusa e sostenuta del Comune di Almese, dalla Fondazione Piemonte dal Vivo, dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e dalla Regione Piemonte.

Nel fine settimana del 19 e 20 gennaio 2019 Camaleontika propone un doppio appuntamento.
Sabato sera la compagnia Tutto è possibile della Cooperativa Il Margine presenta “Piacere la morte” e il Progetto Teatro senza Confini della Compagnia Fabula Rasa presenta “Senza titolo”, due spettacoli nati da progetti con laboratori teatrali dedicati a persone diversamente abili che vengono proposti con ingresso a offerta libera.
Due tribù creative si incontrano sul palco per restituirci tutta l’unicità, la poesia e la bellezza di un “agire il teatro” oltre gli schemi e la prevedibilità, per condividere un sogno sociale e creativo che si spinge oltre i limiti e le barriere.
La serata si concluderà in musica con in concerto dei Gruvidi, una energica cover band rock & funk.
Domenica sera la Compagnia Controcanto presenta lo spettacolo “Sempre domenica”, un lavoro sul lavoro e sul tempo, l’energia e i sogni che il lavoro quotidianamente ci sottrae, proposto nell’ambito della rassegna “Concentrica-Spettacoli in orbita” curata dalla Compagnia della Caduta di Torino  con ingresso unico di € 5,00.

19 gennaio – Cooperativa Il Margine/Compagnia Tutto è possibile in “Piacere la morte”
Il Laboratorio Teatrale “Tutto è… possibile” è nato nel 2002 all’interno della comunità alloggio per persone disabili di San Mauro Torinese (TO) grazie ad una felice intuizione avuta dalla Sig.ra Karma Granieri. La comunità alloggio è gestita dalla cooperativa Sociale “Il Margine s.c.s.” per conto del C.I.S.A. di Gassino Torinese (TO).
Oltre che da questa comunità alloggio, la compagnia teatrale è formata da utenti di altre comunità alloggio e gruppi appartamento di Torino e provincia gestiti sempre dalla cooperativa, nonché da operatori e volontari che con entusiasmo e dedizione si sono uniti al gruppo.
Lo spettacolo “Piacere la morte” è stato scritto da Elisabetta Gullí ed i protagonisti sono soprattutto gli utenti-attori e le loro capacità, con molti pezzi parlati in cui mettono abilmente in gioco la loro memoria e la loro prossemica. È stato scelto il musical come tipo di rappresentazione perché permette di esprimersi cantando, recitando o utilizzando anche solo la comunicazione non verbale e la scelta di temi musicali famosi con testi riadattati permette di creare una buona sintonia con il pubblico.
Attorno al Laboratorio Teatrale ruotano anche altri laboratori che hanno contribuito a realizzare tutti i costumi e le scenografie. Divertimento ed entusiasmo, musica e canto, recitazione e costumi di scena: questi sono stati gli strumenti che hanno favorito l’apprendimento di storie e poemi che non sarebbero altrimenti fruibili dai disabili.

19 gennaio- Progetto Teatro senza Confini/Compagnia Fabula Rasa in “Senza titolo”
Parteciperanno a questo spettacolo gli attori dei laboratori di Teatro senza Confini di Avigliana, Bussoleno e Giaveno-Sangano con una serie di brevi quadri comici e di improvvisazione abilmente diversa.
Con ideazione collettiva e regia di Beppe Gromi, che dirige i laboratori, in “Senza Titolo” verranno ricreate le atmosfere dei loro incontri di laboratorio, sempre all’insegna della poesia e del divertimento
Alcuni componenti dei tre gruppi hanno un talento straordinario nel gioco dell’improvvisazione e ogni volta che vanno in scena si ha la conferma che il gioco del teatro abilmente diverso non conosce limiti.
Attiva dal 1993, Fabula Rasa è una compagnia teatrale che promuove e diffonde il valore artistico ed umano delle diversità. Teatro Senza Confini è un suo progetto sensibile di integrazione tra le diverse abilità avviato nel 1999 in Valle di Susa con un laboratorio teatrale per persone disabili diretto da Beppe Gromi e notevolmente cresciuto negli anni, con una serie di laboratori e con sviluppi che, mantenendo il teatro come fulcro, hanno portato a inserimenti lavorativi, alla costituzione della compagnia teatrale integrata e a scambi con altre realtà italiane.

19 gennaio- i Gruvidi in concerto
La serata di sabato 19 gennaio so concluderà con un mini concerto dei Gruvidi, cover band rock & funk di Avigliana composta da Max Racca (voce), Matteo Sciarrino (basso elettrico e cori), Alessandro Leone (batteria) e Giovanni Tropini (chitarra elettrica e cori), quattro ragazzi che si sono uniti, dopo esperienze musicali differenti, elevando l’importanza dell’elemento groove e dandogli la massima priorità!

20 gennaio – Compagnia Controcanto Collettivo in “Sempre domenica”
Sempre domenica è un lavoro sul lavoro, sul tempo, l’energia e i sogni che il lavoro quotidianamente mangia.
Sul palco sei attori su sei sedie, che tessono insieme una trama di storie, che aprono squarci di esistenze incrociate.
Sono vite affaccendate nei quotidiani affanni, vite che si arrovellano e intanto si consumano, che a tratti si ribellano eppure poi si arrendono, perché in questo carosello di moti e fallimenti è il lavoro a suonare la melodia più forte, quella dell’ineluttabile, dell’inevitabile, del così è sempre stato e del sempre così sarà.
Sempre domenica è un coro di anime, una sinfonia di destini. Ma è – soprattutto – un canto d’amore per gli esseri umani, per il nostro starcene qui frementi eppure inchiodati, nell’immobilità di una condizione che una tenace ideologia ci fa credere da secoli non tanto la migliore, quanto l’unica – davvero? – possibile.
Lo spettacolo si è aggiudicato il bando In-Box 2017.
ll Collettivo Controcanto nasce nel 2010 per volontà ed urgenza di una regista trentenne e di un gruppo di giovanissimi attori. Il suo primo lavoro, ispirato a “L’Istruttoria” di Peter Weiss, mette in scena alcune testimonianze del processo di Francoforte per i crimini nazisti. Dopo una fase di lavoro condotta a Roma e ad Oswiecim, la cittadina polacca più nota come Auschwitz, lo spettacolo “Testimoni” debutta nel gennaio 2011. Nel novembre dello stesso anno vede la luce “Felici Tutti”, spettacolo dedicato al tema dei migranti, in cui il collettivo approda ad un metodo di lavoro che prevede un lungo processo di costruzione collettiva della messa in scena, per successive stratificazioni. Dal maggio 2012 la compagnia è al lavoro sul tema dei divieti, ed ha debuttato nel maggio 2013 con lo spettacolo “NO – una giostra sui limiti dei limiti imposti” presso il Kollatino Underground di Roma.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *