Moena/Cavalese (TN): 15° Marcialonga Running Coop, 3 settembre 2017

La Marcialonga Running Coop del 3 settembre è l’ultima “fatica” dell’anno per il comitato organizzatore di Marcialonga, ed una gioia per i corridori di tutto il mondo che giungono nelle Valli di Fiemme e Fassa (TN) per sfrecciare lungo il percorso che renderà grande la 15.a edizione dell’evento podistico di casa Marcialonga. La Running Coop si potrà correre anche in squadre composte da tre atleti. Il percorso sarà lo stesso che caratterizzerà la 15.a edizione dei concorrenti “singoli”, con la differenza che i 26 km di gara verranno suddivisi in tre frazioni: il primo staffettista s’impegnerà da Moena a Predazzo lungo 10 km di percorrenza (distanza più lunga per singolo atleta), il secondo da Predazzo a Lago di Tesero per 8 km, ed infine il terzo da Lago di Tesero sino al traguardo di Cavalese per altri 8 km. Una frazione impegnativa quest’ultima, poiché negli ultimi 2 km si effettua la salita, ove spesso si è decisa la Marcialonga Running Coop.

Info: www.marcialonga.it e canali Facebook, Twitter, Instagram, Google+ e YouTube


marcialonga running coop NON ASPETTA ALTRO CHE TE
“SFIDE NELLA SFIDA” DA MOENA A CAVALESE (TN)

La Marcialonga Running Coop del 3 settembre presenta un parterre più che affollato, ma le iscrizioni sono ancora aperte per far parte della grande festa che celebrerà la 15.a edizione, a cui tutti i corridori del mondo sono invitati.

Le Valli di Fiemme e Fassa (TN) hanno spazio per ospitare qualsiasi tipo di appassionato ed ora non resta che attendere la giornata di domenica per competere in singolo o in staffetta, novità assoluta di quest’anno, con tre atleti a suddividersi i 26 km di gara, da Moena a Predazzo, da Predazzo a Lago di Tesero e da Lago di Tesero all’arrivo di Cavalese. E per chi ama i confronti serrati ecco l’applicazione “Strava” con Peter Lanziner a lanciare la sfida. Il runner, metà altoatesino e metà trentino, giunse 5° nella passata edizione e 3° nel 2015, impiegando 4’17” a percorrere un chilometro sull’erta finale che conduce a Cavalese, con dislivello di 47 metri e pendenza media del 3%, un tratto segnalato e definito “Marcialonga Running Challenge”. Tutti coloro i quali si iscriveranno su Strava e domenica scenderanno sotto il tempo di Lanziner avranno l’iscrizione gratuita per il 2018.

Gareggiare con Marcialonga è una gioia poiché talento e passione vengono sempre riconosciuti, fra iniziative di ogni genere volte a premiare sempre e comunque il merito. La Running Coop metterà così i propri “senatori” in prima fila, corridori che fin dalla prima edizione non hanno mai fatto mancare la propria presenza ai nastri di partenza della “Fata delle Dolomiti”, completando 330 km totali. I 31 aficionados partiranno assieme ai top-runners, e tra di essi vi sarà anche un irriducibile ottantenne, Roald Olsvik, norvegese “di ferro”. Ai “senatori” verrà riservato un momento particolare anche sabato pomeriggio, in occasione dell’aperitivo di Sport Senza Frontiere Onlus, associazione benefica con la quale Marcialonga collabora.

La Running Coop è amatissima anche dagli atleti di origine africana, spadroneggianti nell’albo d’oro, come Said Boudalia, vincitore nel 2015 e secondo nel 2012 e nel 2014, ed il campione 2013 Lahcen Mokraji nuovamente ad ergersi al difficile compito di favoriti. Ma alla Running Coop è in palio anche il titolo della Combinata Punto3 Craft, la “classifica di Marcialonga” che somma i tempi degli atleti impegnatisi con sci da fondo, bicicletta e corsa. I principali accreditati ad aggiudicarsi questa prestigiosa graduatoria sono il livignasco Thomas Bormolini e la comasca Chiara Caminada, ma va sottolineato come l’elenco dei “poliedrici” sia composto da ben 65 atleti individuali e da 12 squadre.

Nel corso di quasi 15 anni di storia la Marcialonga Running Coop ha praticamente mantenuto invariato il percorso di gara, dai 25 km della prima edizione nel lontano 2003 ai 26 km di questi ultimi anni. Un raffronto preciso sui tempi ottenuti dagli atleti non è dunque possibile, tuttavia un’idea significativa la si può comunque avere: i tempi ‘record’ appartengono alla vicentina Deborah Toniolo, capace nel 2004 di imporsi in 1:29.03, mentre un’annata più tardi l’africano Paul Kanda Kangogo fece scendere il proprio tempo addirittura sotto l’ora e un quarto (1:13.07).

Usa l’hashtag ufficiale #marcialonga e condividi con noi le emozioni della tua gara!

Iscrizioni a 35 euro entro il 1° settembre.

Info: www.marcialonga.it e canali Facebook, Twitter, Instagram, Google+ e YouTube

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *